Dott.ssa Gloria Zamboni

Psicologa e Psicoterapeuta


  • consulenze psicologiche
  • supporto psicologico
  • psicoterapia
  • psicodiagnosi età adulta e infantile
  • percorsi di stimolazione cognitiva


Può capitare nella vita di sentirsi in difficoltà. Un cambiamento inaspettato che ci fa sentire disorientati,  una perdita importante, un evento traumatico, un disturbo che risulta incomprensibile,  difficoltà relazionali di coppia o nel rapporto genitori-figli, difficoltà legate ad una specifica fase di vita, come l'adolescenza o la terza età.  Molteplici possono essere i motivi per cui ci sentiamo vulnerabili e incapaci di mettere in atto un cambiamento, di sbloccare la situazione.
Può essere allora d'aiuto riservarsi uno spazio per noi stessi, per comprendere meglio ciò che ci sta accadendo e provare a ricercare, con l'aiuto di un esperto, uno stato di maggior benessere.

I percorsi

Attraverso l'empatia e un ascolto rispettoso, cerco di creare quel clima sicuro che permette alla persona di esplorare il proprio mondo interiore, al fine di individuare insieme le condizioni che creano disagio e trovare e potenziare le risorse che promuovono il cambiamento.

A tal fine, dopo un primo incontro di accoglienza e analisi della domanda e del bisogno della persona, propongo altri tre  o quattro colloqui, tesi ad approfondire meglio la situazione. nel successivo colloquio di restituzione ci si confronta sugli elementi emersi. A questo punto ci possono essere strade differenti. L'intervento può concludersi,  perchè gli imput e le strategie emerse ed apprese sono sufficienti per il bisogno espresso dalla persona,  oppure possono delinearsi altre possibilità: percorsi di supporto psicologico, dove ci si concentra su determinate aree di lavoro o psicoterapia, percorsi di crescita personale, che mirano a raggiungere nuove consapevolezze di sè e cambiamenti profondi nella persona.
Sono inoltre possibili colloqui di supporto ai familiari e caregiver dei malati di Alzheimer e altri tipi di demenza, e per questi ultimi, percorsi di stimolazione cognitiva, che permettono di rallentare il decadimento cognitivo causato dalla malattia (è previsto per chi interessato al percorso di stimolazione cognitiva un colloquio informativo gratuito con il familiare di riferimento).

Di cosa mi occupo

  • disturbi d'ansia
  • disturbi depressivi
  • difficoltà emotive e relazionali
  • difficoltà nelle relazioni di coppia
  • eventi traumatici
  • lutti
  • abusi
  • rapporto genitori-figli
  • eventi di vita stressanti
  • separazioni
  • difficoltà ad affrontare situazioni o compiere delle scelte
  • difficoltà ad affrontare fasi di vita (ad es. adolescenza o terza età)
  • psicodiagnosi in età adulta ed evolutiva
  • demenze

Su di me

Sono  psicologa e psicoterapeuta, formata in EMDR e Mindfulness Ho conseguito un Master di Psicodiagnosi dell'età adulta ed evolutiva.

sono iscritta all'Albo degli Psicologi della Lombardia con n. 13292 dal 2010  e ho conseguito la specializzazione in Psicoterapia individuale e di gruppo a indirizzo rogersiano presso l’Istituto dell’Approccio Centrato sulla Persona di Milano.
Parto dal presupposto che ognuno di noi ha un potere personale e quella che lo psicologo C. Rogers chiama "tendenza attualizzante", predisposizione che permette alla persona di autorealizzarsi e trovare uno stato di maggiore benessere, se posta in condizioni non ostacolanti. Grazie al supporto, al confronto e a un clima di accettazione incondizionata, accompagno la persona a costruire il significato delle esperienze che vive e a riconoscere ciò che la blocca, per rafforzare il potere personale e promuovere il cambiamento.
Nella pratica clinica inoltre, occupandomi di maltrattamenti infantili e abusi, utilizzo  il metodo EMDR, strumento d'elezione per il trattamento e rielaborazione di esperienze negative e traumatiche, per il quale ho conseguito la formazione di 2°livello
Per diversi anni ho collaborato con l'Associazione Alzheimer e Demenze della provincia di Sondrio e continuo a coltivare quest'area di interesse proponendo colloqui di supporto ai familiari e caregiver dei malati e, per questi ultimi, percorsi di stimolazione cognitiva.